Oltre 2300 Masters post-laurea in archivio
Ultimo Aggiornamento: il 24/02/2017 alle 18:03

All’Università di Pisa formazione da serie A: il Master in Fisioterapia Sportiva pubblicizzato sui campi della massima serie

Notizia del 15/09/2010 ore 15:58

È possibile promuovere a livello internazionale l’attività di alta formazione dell’Università di Pisa senza gravare sul bilancio? La risposta positiva arriva dal master in “Fisioterapia sportiva” diretto dal professor Marco Gesi che ha raggiunto questo obiettivo attraverso un’idea di “fundraising creativo”: ha pagato il servizio offrendo esperienza e competenze.  

Chi ha seguito le partite di calcio delle prime giornate di serie A avrà visto apparire la pubblicità del master in “Fisioterapia sportiva” dell’Università di Pisa su display luminosi lunghi 100 metri posti a bordo campo. Questa forma di promozione, gratuita per l’Ateneo, nasce da una collaborazione tra il dipartimento di “Morfologia umana e biologia applicata”, organizzatore del master, e l’agenzia di marketing e pubblicità “GSport” e proseguirà durante i prossimi appuntamenti di campionato negli stadi più famosi d’Italia.

Il master è solo alla terza edizione, ma con i suoi oltre cento allievi è già diventato un punto riferimento del settore a livello nazionale e internazionale, potendo vantare iscritti sia italiani che stranieri e circa 50 centri convenzionati in Italia e all’estero. Ad esempio, per l’anno accademico 2010-11, che sta per iniziare, sono stati richiesti posti da riservare a professionisti spagnoli, portoghesi e brasiliani. Non è raro incontrare gli allievi del master, rigorosamente in divisa, che passeggiano durante i fine settimana, nei momenti di pausa dalle lezioni teorico-pratiche, nella zona del Duomo, vicino alla Scuola medica dove si svolgono i corsi.

Il master in “Fisioterapia sportiva” è il primo e l’unico in Italia; già in convenzione con l’”Illustre collegio di fisioterapia dell’Andalusia” (Spagna), ha come obiettivo la formazione di fisioterapisti specializzati nel campo sportivo in grado di affrontare la riabilitazione degli atleti attraverso competenze altamente professionali. Al termine del corso, il fisioterapista è in grado di praticare sia trattamenti funzionali che post-chirurgici. Inoltre, il master promuove e incentiva i partecipanti alla ricerca scientifica tramite l'insegnamento di metodiche applicabili nello specifico al settore medico.

Il percorso formativo prevede 60 CFU suddivisi in moduli teorici e pratici. Fra gli elementi caratterizzanti il corso, oltre ai richiami anatomici, fisiologici, farmacologici e biomeccanici, sono trattate la diagnostica per immagini, le tecniche chirurgiche utilizzate nella traumatologia delle principali articolazioni, le recenti acquisizioni in termini di recupero post-chirurgico, le corrette applicazioni delle metodiche riabilitative manuali, le linee guida sull’applicazione delle terapie fisiche strumentali e la riabilitazione in acqua. Particolare attenzione è dedicata al massaggio sportivo e al bendaggio funzionale nelle sue varie forme, dal taping al taping neuromuscolare. Un intero modulo del master sarà dedicato agli aspetti motivazionali nel rapporto tra operatore e paziente. L’attività didattica è qualificata dai maggiori esperti del settore; molti sono i docenti dell’Università di Pisa, tra cui i professori Paparelli, Guido, Lisanti e Santoro, ma partecipano anche specialisti di altri atenei e aziende private, come i professori Mariani, Brozzi, Cardoni e Blow di Roma, Rigardo di Acqui Terme, Ceserani di Milano, Montella di Sassari e molti altri ancora.

Il collegamento con il mondo del lavoro e l’interesse per i professionisti formati sono testimoniati dal patrocinio di note aziende del settore e società di calcio.

Dal 1° settembre al 12 novembre è possibile presentare domanda di partecipazione al master; il bando con le relative procedure di ammissione è pubblicato sul sito web dell’Università, raggiungibile dalla pagina http://www.unipi.it/studenti/offerta/master.

Il dipartimento di “Morfologia umana e biologia applicata” organizza anche altri due master nel settore, uno in “Idrokinesiterapia” e uno in “Teoria e tecniche della preparazione atletica nel calcio”; quest’ultimo è interuniversitario, progettato e gestito con l’Università degli Studi di Verona in collaborazione con l’Associazione italiana preparatori atletici calcio (AIPAC) e l’Associazione italiana allenatori (AIA), e ha il patrocinio della FIGC nazionale (Federazione italiana gioco calcio).

Per ulteriori informazioni sui master e i corsi di perfezionamento organizzati dal dipartimento si consiglia di visitare il sito web http://www.sportandanatomy.it/.

Ultime Notizie dai Master

Strategic Design: il design che cambia le logiche e le pratiche manageriali nel Master di POLI.design

Notizia del 24/02/2017 ore 18:01

Le iscrizioni sono aperte fino al 20 giugno 2017. Disponibili agevolazioni alla frequenza.

HULT Business School: l'International MBA diciassettesimo al mondo nella classifica di Bloomberg BusinessWeek

Notizia del 23/02/2017 ore 11:28

Nella classifica stilata da Bloomberg BusinessWeek per il 2016, l'International MBA di Hult International Business School conquista la diciassettesima posizione al mondo.

Master in Color Design a Milano: ancora disponibili 5 borse di studio da 2.000 euro

Notizia del 21/02/2017 ore 17:02

Sono ancora in corso le iscrizioni al Master internazionale in lingua inglese in Color Design & Technology, organizzato da POLI.design, Consorzio del Politecnico di Milano.

Sole 24 ORE: due borse di studio per il Master Economia e Management dell'Arte e dei Beni Culturali

Notizia del 17/02/2017 ore 16:43

Al via le candidature per due borse di studio, messe a disposizione dalla Fondazione Adolfo Pini, a copertura parziale dell’iscrizione alla 22esima edizione del Master full time in Economia e Management dell’Arte e dei Beni Culturali della Business School del Sole 24 ORE, che prenderà avvio a Milano presso il MUDEC-Museo delle culture il 15 maggio 2017.

Career Fair 2017: ESCP Europe raduna 70 aziende per offrire lavoro a studenti e laureati di tutto il mondo

Notizia del 16/02/2017 ore 15:59

I dati del Career Office: un terzo degli studenti della Business School resta a lavorare in Italia dopo gli studi e il 40% degli italiani all'estero torna nel nostro Paese in cerca di un'occupazione.